09 giugno 2021

Come scegliere il giusto solare per la tua pelle

Con l’avvicinarsi dell’estate, molte persone iniziano a preparare gite e vacanze per godersi la bella stagione, rilassandosi sotto un cielo limpido e un sole splendente.

In occasioni come queste, però, non bisogna mai sottovalutare gli effetti di un’esposizione prolungata ai raggi solari: sono infatti composti da diversi tipi di radiazioni che hanno effetti sia positivi che negativi sul nostro organismo, e perciò è necessario favorire i primi e bloccare i secondi.

In particolare, i raggi ultravioletti permettono alla nostra pelle di abbronzarsi e favoriscono la produzione di vitamina D, molto importante per il nostro benessere e in particolare per pelle, ossa e denti, ma al contempo sono responsabili per la riduzione di elasticità dei tessuti epidermici e per le scottature, e possono causare tumori.

Se si passa una giornata sotto il sole, in particolare al mare quando tutto il corpo è esposto e in montagna in cui l’altitudine riduce il naturale effetto filtrante dell’atmosfera, è necessario prendere le adeguate precauzioni.

I prodotti con protezione solare si presentano in diversi formati e con diverse caratteristiche, ma sono tutti accomunati dal SPF, ovvero il Solar Protection Factor.

**L’SPF, meglio noto in Italia come Fattore di Protezione Solare, indica la capacità di un prodotto di assorbire o riflettere i raggi ultravioletti dannosi, pur permettendo di godere degli effetti benefici dell’esposizione al sole, **ovvero abbronzatura e produzione di vitamina D.

Questa capacità dell’SPF viene definita in base a un numero, che va da un minimo di 6 a un massimo di 50: i gradi da 6 a 14 indicano un grado di protezione bassa, da 14 a 29 media e da 30 a 50 alta; esiste anche l’SPF 50+ che offre la più forte barriera contro i raggi ultravioletti.

Tuttavia, il grado di protezione richiesto dall’organismo varia sensibilmente in base al tipo di carnagione: la scelta del solare deve essere fatta in funzione del proprio fototipo, cioè della capacità delle cellule della pelle di produrre melanina, pigmento responsabile per il colore naturale e per l’abbronzatura.

Ci sono sei tipi di fototipi, facilmente individuabili osservando l’aspetto della persona, a cui viene consigliato di usare un solare con uno specifico SPF:

· SPF 50+ per il Fototipo 1, ovvero capelli biondi o rossi, carnagione lattea, moltissime lentiggini;

· SPF da 30 a 50 per il Fototipo 2, ovvero capelli biondi, carnagione chiara e molte lentiggini;

· SPF da 25 a 20 per il Fototipo 3, ovvero capelli biondi scuri o castani, carnagione mediamente chiara e alcune lentiggini;

· SPF da 20 a 15 per il Fototipo 4, ovvero capelli castani, carnagione leggermente olivastra e poche lentiggini;

· SPF 10 per il Fototipo 5, ovvero capelli neri, carnagione scura e senza lentiggini;

· SPF da 10 a 6 per il Fototipo 6, ovvero capelli neri, carnagione molto scura e senza lentiggini.

Si tratta però di una classificazione indicativa, è sempre meglio chiedere consiglio al proprio medico o farmacista per scegliere il solare più adatto alla propria pelle.

In aggiunta alla protezione molti prodotti solari permettono anche di stimolare l’abbronzatura, per esempio grazie al betacarotene, e mantenere la pelle idratata e fresca, per esempio con l’aloe vera.


Ultimi articoli

09 giugno 2021

Come scegliere il giusto solare per la tua pelle

Con l’avvicinarsi dell’estate, molte persone iniziano a preparare gite e vacanze per godersi la bella stagione, rilassandosi sotto un cielo limpido e un sole splendente.

In occasioni come queste, però, non...